Pagina:Richmond - La figlia del lattaio.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22

serena conclusione della carriera di questa giovine cristiana. In mezzo alla decadenza delle sue pallide fattezze si potea riconoscere una tranquilla rassegnazione, una confidenza trionfante, una vera umiltà ed un’ansia tenera che chiaramente dimostravano lo stato ed i sentimenti del suo cuore.

Dopo aver parlato con lei poco tempo, feci una breve preghiera e mi ritirai.

Già annottava, quando m’incamminai verso casa; la tranquillità e la pace regnava dovunque. Il muggito de’ buoi, il belato delle pecore, il confuso ronzìo degli insetti notturni, il lontano mormorio del mare, le ultime note dei vaghi uccelletti del giorno, e le prime canzoni dell’usignolo, tutta questa armonìa aumentava anzichè diminuiva il piacevole sereno della notte, e i suoi corrispondenti effetti sul mio spirito già eccitato ed animato dalle meditazioni che la mia visita m’inspirò.

La scena della natura rappresenta frequentemente la verità divina. Noi possiamo dire d’essere in particolar modo favoriti quando, godendo d’essa, la possiamo far servire nel medesimo tempo per istrumento alla nostra meditazione delle cose di Dio.

Poco tempo dopo ricevetti l’avviso che la mia giovine era morente: questa notizia fu recata da un soldato il cui aspetto dimostrava serietà, buon senso e pietà.

“Sono mandato signore, dal padre e dalla madre di Elisabetta W..., per sua particolar richiesta, a dirvi quanto tutti desiderano di vedervi. Ella se ne andrà signore, assai presto.”

“La conoscete voi da molto tempo?” risposi io.

“Da circa un mese, signore. Io amo molto visitare gli ammalati; e, sentendo parlare di lei da varie e serie persone che abitano il vicinato, andai a vederla. Io benedico sempre Iddio che mi ci ha fatto andare; la sua conversazione è stato assai proficua per me.”

“Mi consolo,” diss’io, “di vedere in voi, com’io spero, un fratello soldato; giacchè sebbene differenziano le nostre divise, pure spero che militiamo sotto un medesimo Capitano spirituale. Ebbene! io verrò con voi.”

Il mio cavallo fu in breve preparato: il mio compa-