Pagina:Ricordanze (Rapisardi).djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 19 —

O fanciulla romita,
Tu pensa e prega; quel conforto ancora
M’è tolto, e su l’aurora!

     Tu pensa e prega! Oh! se ne’ lievi aprili
De la tua vita il pallido ricordo
Di quell’ora innocente,
Con cui tutte vanir le mie speranze,
Qual solitario fiore
Al cor ti manderà le sue fragranze,
O fanciulla pensosa.
Non negarmi, sollievo ultimo a’ mesti,
Non negarmi, il tuo pianto!

     Chè se de’ miei sospiri
Uno avrà l’ala da levarsi a Dio,
lo pregherò che di perpetue aurore
Ridan le plaghe che il tuo cor vïaggia.