Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
102 RIME


3Per questa via, mi chi son orbo, posso
Giudicà sannamente de corò
E di quando me fere, e luxe adosso
20Dro vostro bello viso, ro sprendò
Che quanto è da ro pichieno, a ro grosso
E da ro chiù cattiuo, a ro megiò
Tant'è de defferenza a quella luxe
24Da l'atra chi ro giorno in terra aduxe.

4E ve crei che non sacchie monto ben
Che bella como vui Donna non vive,
E che tutto l'honò se ve conuen
28Che lengua possa daue, o penna scriue,
Che per vui soramenti Amò sosten
Ro regno, e da re vostre luxe viue'
Piggia quella virtù con che da puoe
32Tent'annime o l'accende, e tenti cuoe.

5O quanto me stupisso, e maraueggio
Quando ra mente drizzo, o Donna in vui,
E re bellezze vostre ben cerneggio
36Chi ve fan cosi rera chi tra nui
A ra Lunna, a ro Sò nc v'assemeggio
Che varei meggio assè de tutti doi,
Ma come è dritto, e raxoneiue, a quella
40Bellezza chi de lò ve fe chiù bella.