Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104 RIME


9Veggo mirando in vui mille Angeretti
Vnna bella rionda fà per ere
Che puoeran tenti ricchi barassetti
60Dauanti a ra grandezza dro Dè Poere,
E cantando fra lò ri figgioretti
Unna musica fan con si doce ere
Che a poreiua allegrà quello che tenti
64Agni, a ro mondo stè frà doggie, e stenti.

10Veggo tent'atre cose che a vorrei
Rasonaue de quelle à compimento,
Sareiua de besogno à mè parei
68Ch'atro no fesse moe per agni cento
Ni poreiua a ra fin tanto sauei
De zò che veggo de vui stella, e sento;
Che no fosse l'effetto assè chiù grande
72De quanto poesse ra mè lengua spande.

11Basta che come in cè fra i atre luxe
Quella se vè dro Sò chiù viua, e bella,
Perche la sù no soramenti à luxe
76Ma d'esto mondo, in questa parte e in quella,
Cosi ra vostra vaga e chiera luxe
Chi sprendò dona a l'unna e l'atra stella
Prima, è fra queste basse come in cè
80Tra re cose diuinne, e primo Dè.