Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 105


12Ma perchè ro parlà de poco peiso
Che d'un soggetto così grande fasse
Porreiua annima cara de Pareiso
84Tiraue in quarche luoego scuro, e basso,
Meggio è che taxe, che da mi repreiso
Me tegne, per no vei che in un stromasso.
Atri addotè ch'a mi de meggioi dote
88Ro stì, ra penna, e ro papè ghe bote.

13Soramenti dirò può c'ha vossuo
Amò faue de mi libero don
E che per honoraue anchon nassuo
92E per amaue, e per seruiue son,
No me voggie mostra ro cuò si cruo
Da fame caze in terra a rubaton,
Anzi acette ro me seruixo in graou
96Che posse fame in vui tutto beaou.



QVello prouerbio dixe ben per Dè,
Che no se deuereiua za mue di
(Come se ve ben spesso intreuegnì)
4Mi de questa egua moe no beuerè.

Perch'esto tà l'è sempre ro promè,
Ch'a l'appeleura è solito a corri;
E che de tira se ne va a feri,
8A da dentro dra re presto dri pè.