Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 107



BVXOTO HOSTE DE RECO, A
ro Segnò Poro Foggetta.



MEsse Poro voi sei un galant'homo,
Ma sei troppo sotirio in veritè,
Che certo mi no me ro poeiua crè
Se no ne veiua ro perche e ro como.

5Un di che chiuuea forte che andà l'homo
Nou poeiua a nessun mueo pè re strè,
Voi restassi allogià in casa mè,
Che parea Reco ro lago de Como.

E inteiso che voi eri messe Poro
10Fogietta, quello tanto nominaou,
Me foissi caro chiù che un motto d'oro.

E de ogni cosa ve fei bon mercaou
Cossi vè zuro per san Pè, e san Poro
Che con voi ho perduo, e nò guagnaou.

15Si ve sei lamentaou;
Con di che ri me versi no ve chiaxo
E che à ca me ghe vegnirei à bel'axo.

Per mi vegnighe adaxo
Che presto ne andereiua à l'Hospuà
20Se a i atri come à voi voresse fà.

E se me stè ascotà;
Ve farò, cuinto dro cotto e dro cruo
Mangià che feto hauei, e ancon beuuo.

Quattr'Oeue con ro fuò,