Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
110 RIME


Perche ra leze vuo se no m'inganno
Che quando un zoue ven da ti ferio
E che pe rà so donna, o sente affanno
20Che quasi s'o no caga, e l'espedio
No dighe l'ingratonna l'è so danno
Gran caxo, badamenti, e me ne rio
Como me dixe a mi quella cagnume
24Quando à me ve cangià vita, e costume.

Ma se patisse ro meschin dorò
Che o no se posse asperme reze in pè
Como segue a chi caze in questo errò
28(Perdoname Segnò) si tristo e rè
Che quella chi ro priua dra megio
Parte che ro tapin se troue in lè
Aceixa restè da si cado fogo
32Ch'a no posse trouà posso, ni logo.

Che me crao certo Amo, che se ti vissi
Zò che per quella bissa atossegà
Fazo, e de l'atra banda ti sentissi
36L'amara vita che a me fa gustà,
E no voggio za di che ti morissi
Ti mesmo de dorò che ti è inmortà
Ma sò ben che si giano ti verressi
40Che mezo morto in vista ti parressi.