Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 111


Donna priua d'Amo senza pietè
Chiù freidda che ra neiue Zenarinna,
Inimiga dre cose innamorè
44Asse chiu che dra vorpe ra gallinna
No sala che o conuen dre so pecche
Che presto a rende quinto ra meschinna
Perche me pa ch'aggiemo Pasqua in cà
48Tanto presto rò tempo se ne và.



FRa re chiu brutte, e vergognose usanza
Chi se an in quà se vuoggie atra Cittè
A Zena unna ghe n'è chi pà ch'auanze
4Ogn'atra de vergoegna, e fasite,
E qoesta si è che mettan su re panze
Dre grauie belli muggi de dinè,
Pù quando vui no me ro creissi a caxo
8Asse d'esti ne son, tra chi, e Paraxo.

Spiene a ri mercanti, e a ri Tuschen
Che san fà quinto dro piggia, e dro mette
Spiene in somma a tutti ri artexen
12Che stan a lauorà entre butteghette,
No poeran cacchia pointo che ghe ven
D'ogn'hora, belle schere de Donnette,
Che dri dinè ch'arroban ri marij
16Voeran puoe su re grauie fa partij.