Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 RIME


Ma se queste Donette soramente
Mettessen su re graiue, manco mà,
Perche essendo nassue de bassa gente
20Pochissimo, o no monto puo importà,
Ma quello che m'affrize chiù ra mente
E me fa spesse votte sospirà
Siè vei che re chiu riche, e re chiu sauie
24No se vegoegnan mette su re grauie.

Han pochissimo senno, e manco honò
Che se ven cossi spesso scorratà
Me maraueggio asse dri marij lo
28Che possan queste cose comportà,
De certe atre ascotè ro gran nesciò
Ch'un poco aora de lò vuoggio parlà
Pouesse che fra i arberghi lo sorette
32In quest'arte se poeran chiu perfette.

No gh'e carroggio a Zena che da lò
Dexe votta ro di scorso no sè,
Da quelli pochi in foera onde ra sciò
36Dri nostri gentirhomi stè se ve,
Ma onde vozando stan ro firatò
Ond'è tenzoi, cuxoei, e bancarè
Scarzoei, tescioei, onzoei, e zauatè
40A tutti ghe demandan s'han moggiè.