Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
114 RIME


Ma quello che reprende chiu se dè
De quanto v'haggie dito fin a chi
Ch'in certi zouenotti mettan fè
68Che per goagnà ro viue, e ro vestì
Certi pointi lunatichi osseruè
Se vantan de sauei tè cose di,
Lo che son zocche, simpricette, e nesse
72Sempre ghe cren, s'unna votta riesse.

No vuoggio za taxei quello che fan
Queste te gentridonne con dinè
Re pouerette grauie à trouà van
76Ro di ch'apartori lo son forze
Poe che gh'han monto ben vuinto ra man
E detoghe parole, e chianchie asse
Induxen quelle te pouere a fà
80Cosa che ri piggioei posse inganà.

Voggiemo dixen lo ch'apartori
In loeghi che se possen chiu segreti
E como poscia se passaò trei di
84Che ve mostre intri vostri carroggetti,
Finzei d'esse ancon grauia; e perche di
Ro posse ognun porte dri cossinetti,
Noi che ro vostro parto saueremo
88Seguramenti poe mette porremo