Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 115


Unna meite dro di spenden in vei
Chi ghe pà che fà deggie maschio, ò figgia
L'atra meitè se spende puoe in sauei
92Fra ri piggioei chi chiu seguro piggia
De moo che voi a lauò moe no re vei
Onde poè ne patisse ra famiggia
Re figgie stan tutto ro di in barcon
96Chiarlando, che soè moere no ghe son.

Madonne mee, perche ve voggio megio
Piggie ro me consegio bello, e bon
Perche mi son si prattico, e si vegio
100Che cosa no dirò fuoe de raxon
Ch'atre cose attendei ve sarà megio,
Per mantegniue in reputation,
Dra qua quinto pochissimo fàrei
104Se tè forfanterie no lascierei.

Lasciere donca, che no se conuen
A gentri Donne fa quest'exercitio
Mi ve ro digo, perche o m'aperten
108E fasso de l'amigo vero offitio,
Se de sauei chi son voggia ve ven
Ve ro dirò me chiamo fre bomitio,
E se vorei sauei ro parentaò
112L'intenderei puoè como s'è cenaò.