Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

D'INCERTO 117

Di piu che mi no ue sarò inemigo
     Per questo e dinne chiù se ue sauei
     27Che no vestimo unna petacha, o un figo.
Son homo chi m'attacho a ro deuei
     Ni m'astizzo se ben m'è dito in chiera
     30Cosa c'haggie za dito e che a sea uei.
Confesso e vei che za fò tempo ch'era
     Seruitò vostro, e si de cuoe u'amaua
     33Che per vui ogn'atra Donna in odio m'era.
E so che quanto chiù mi m'inzegnaua
     De daue in ogni cosa compimento
     36Massime in zò che chiù ve delettaua.
Tanto vui chiù de dame ogn'hò tormento
     Goeiui, onde mi quasi desperou
     39L'anthò fei de lassaue pensamento.
Ma (si dighe) che cosa m'e zouou
     Se trei meisi no l'hò possua indurà
     42Cosi vui m'hauei guasto e affueiturou.
Donca haggie compasson dro me gran mà
     Che cosi come v'amo e ben rason
     45Che con tant'atro amò m'haggie a pagà.
No vuoeggie Donna ingrata esse caxon
     Che viue in chiento mi chi sempre vuoegio
     48Seruiue in vita, e dapoè mortè ancon.
Chiù no me pentirò, ma ben vuoeggio
     Pregà che tusto v' desmenteghe
     51Ni moe zò ch'è passaou me butte in oggio,