Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 D'INCERTO.

Ve prego donca che me comande
     Zò che ve chiaxe che strauorentera
     54Mi ve compiaxerò se me proue.
Ma vui mostreue un pco men crudera
     Azò che come bella haggie ancon vanto
     57In iouere pietose esse primera,
Questo è madonna tutto quello, e quanto
     Mi ue requero, e se ro fè ve zuro
     60Che no ve metterò zà moe da canto
Perche a diuero voi l'ha troppo duro
     Osso da rosiggià, ben badamenti
     63Chi serue a donna crua con cuoe non puro.
Attendemo noi donca a sta contenti
     Sempre allegri, e in sorazzo, che'l è honesto
     66Ch'ogn'un fuzze a sò poei trauagi, e stenti.
E però fazo chi ra fin de questo
     Me di, per no tegniue chiù a desaxo,
     69Sarueme in gratia vostra che son lesto,
Per obediue in qua se vuoggie caxo.