Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

D'ADAVINA 133


37


Fazo vei i atri, e mi no posso veime
E son caro a re Donne, e a re donzelle
Què senza mi, no se farean si belle.
E zò che digho è vei, però vui creime.

38


Voi, ch'andè si con l'intelletto in sù,
Sauerei quella cosa adauinà
(Qua strannia veramente a caschun pà)
Che quanto se n'amerma, a cresse chiù.

39


Vui che fè si dro sauio, e de l'acorto,
Come faressi de dui morti un viuo,
E puoe dro viuo; dà ra vitta a un morto?

40


E vorreiua che ti Segnò me dessi
Quello che ti non è, per hauei moe,
Se de Matusalem i agni viuessi
O d'atro, che vissuo sea tempo assè.
No pensà moe d'hauero, che saressi
In grande errò per di ra veritè.
Ma se pu tanto mi te son a cuoe
Damero, e no tardà, perche ti puoe.