Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

D'ORLAN. FVR. 153

54Chin d’amò corse tosto verso quella
Ch’era so diua, e streitto l’abrazzà
E de si fatta spointa a ra donzella
Che quasi in terra l’haue a trabuccà
Quella ch’era fingarda, come bella
In bocca mille vote ro bassià
Fra lè digando quello ti sarè
Che a ro Cataio ti me menerè.

55A ghe comenza di ra vita soa
Che a tegne quando con Rolando a zè
E come l’era steto cosi boa
E si minchion che o ghe dormiua a pè,
(Senza cognossera ventura soa)
Osservondoghe sempre moe ra fè,
E che ra sciò drà sò virginite
Era si saruo come fuisse moe.

56Fossa che l’era vei ma no da cre
Da chi no fosse steto fuoe de lè,
Ma le ghe coreiua tutto come un bè
E n’azzaua re moen fin a ro Cè.
L’Amò fa pigià a un’homo ri stiue
Per scarpette da egua, (a chi l’è Dè.)
Però a de a intende a quello innamoraou
Cossa che vui, ni mi no me ra craou.