Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 CANTO I.

57Rolando no se vosse da piaxei
Mentre che o l’haue questa figia in man;
Aora o vorreiua ch’o no ra puoe hauei
Ma per mi ch’o l’araggie come un can
Dixeiua Sacripante, ma dauei
Mi no vuoeggio si corteise, e human,
Che sta ventura lasse scapà via
Per adentame puoe, dre moen re dia.

58Troppo matto sarò se mi no cuoeggio
Ra ruexa chi po perde ra saxon
Che buttaou da quarch’un puoe me sea in uoeggio
Che n’hò sapuo cognosse un bon boccon,
Sò benche fà questo mattuou no vuoeggio
Che caschun me terreiua un’arbicon,
E se ben lè (me craou) finze ro sdegno
Vuoeggio compì tutto ro me dessegno.

59E in tanto che à fà questo s'appareggia
Perche ghe pà che a perde tempo troppo
Vn gran forò ghe fà stornà l’oreggia
D’un chi correiua chiu che de galoppe
Ve sò di chi ra stizza ro resueggia
Si che a drizasse o no pà rango, o zoppo.
Ra brilla in testa dro cauallo assesta
E ro so celadon s'acconza in testa.