Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

171


Cosi, lasso, souente
Con gaudio, e con dolore
Empio Tiranno Amore
Hor mi da vita, hor morte,
Chi vide mai più variabil sorte?

Canzon, che si frequente
Di lacrime ho già sparsa,
E di sospir quasi arsa,
Va ambasciatrice a lei,
Che sempre io cerco, e che fuggir deurei.

E chiedi riuerente
Che sia sua gentilezza
Conforme a la bellezza,
E c'hor mai cangi stile,
Le vuol, si come è bella esser gentile.


DEL MEDESIMO.



VN di che a caso andai
A spasso per la via
Il mio bel sol trouai
Con altra compagnia
Qual rimirando staua
La gente che passaua