Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 37

In schiaua, e da canaggia berrettina,
E da vassalli mè son scarchizà.

E pe ri cangi son rotta, e falia
10Ma presto aquisterò l'antiga groria,
E de rotta che son tornero intrega.

Così dixeiua Zena tutta allegra
Haggiando inteizo che ra Signoria,
Faua Garie, e puo cria vittoria.

15E con Zena vittoria;
Crian ri Crestien, perche ben san,
Che deffeixi da le tutti saran.

Se à l'hà garie in man.
Ma se ri crestien s'allegran tutti,
20Chianzan per contra turchi, e mori brutti

E se duoe ro Drogutti;
Con tutti quenti i assasin corsè,
Che da Zena se poeran za lighè.


DA Zena parto quaxi desperaò
Perche da paro me no posso stà,
Che peraxi da Rè se gh'usa fà,
E dorman ri citten dentro brocaò.

5E quaxi ogni personna da me graò
Caga in arinto, e in oro vuoè mangià,
E da Papa ogni dì vuoe ben pappà
E in stalla ten caualli da Imperao.