Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 RIME


Però ogniun scachia, frappa, e va pomposo
10E ten paggi, e derre vuoè seruitoi,
Si ogni cosa oura chi ne costa un'oggio.

Però Zena à ri richi lascià vuoggio,
Dond'un pouero spussa virtuoso,
No possando fa speize da segnoi.

15E ri pubrichi honoi;
A noi pa che no toccan zuro à Dè,
Che misso ro comun s'amo derrè,

E cascun fà per lè.
Si facemo raxon che se de pria,
20Quello Grimado che soretto cria.

Ch'o cerca compagnia.
Però ro comun poere oura se duoe,
Ch'o n'haggie in tenti figgi un bon figgioè.



RE membre han misso i homi in libertè
Aura c'han misso i homi in libertè
Ch'intre cazze strinchè, dentri gippoin,
Con mille strinche stauan ben serrè.

5E d'esto andà chiu liberi, e sciorrè
Goan ri vegi, zoueni, e garzoin,
Ni han chiu dauanti quelli braghettoin,
Ch'ingannauan con strazze donne assè.

E per fà ro besuegno naturà
10Despointà tente strinche no conuen,
E chi hà ra rogna se ra pò grattà.