Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58 RIME


12Noi pronte semo sempre a fa re galle,
Ma no voi homi chi hàuei gran facende,
Perche arui dei butteghe, e spacchià balle
E a Magistrati ve besogna attende,
E a ro comun ve conuen da re spalle
S'in cangià fersi vorei tempo spende,
Ni ra buttega fruta, o mercantia
S'ande derre re galle tuttauia.

13Pero voi mesmi reformà ve dei
Che chiù ne besugne cha noi moggiè,
O se pù reformà no ve vorrei
E a l'uso tristo andà vorei derre;
Anchora a noi lasciane mette dei
Zò che chiù se mettemo vorentè,
Ni a i atri dei quella reforma dà
Che per voi mesmi no vorrei piggia.

14Che così como a voi l'usanza gusta
De cangià tra voi robe in gran bellezza,
Cosi ra donna fin che l'e rebusta
De cangia fersi a sente gran docezza,
E per natura anchon ra donna frusta
De cangià fersi goe in so veggiezza;
E inanti de mancha de cangia ferso,
Dra roba frusta, a l'usa ro reuerso.