Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 59


15Lasciane ancon fa noi può che fe voi
E l'un per contra l'atro metteremo,
Anzi auantaggio in zò demo hauei noi
Se ben compagne in i atre cose semo,
Per che de i homi femo manco erroi
Quando per parei ben fersi cangiemo,
Con tutto zò desorua vorrei stà
Ni dro parei con noi ve basta andà.

16Ni vorrei che à re robe sugo demo
Ni a re nostre sciorette, e lauoi tè,
Che dritti con ro sugo stà facemo
Si ne stan tanto ben, che votte asse,
Con questo sugo in sugo ve mettemo
Tanto che voi de bada ne sposè,
Se ben dote si grende s'usa dà
Che se pon poche figgie marià.

17Pa che voi homi atro n'aggiè da fa
Che reforma noi figgie, e zouenette;
Che zò che chiaxe à voi ne fe porta
E de sotta, e de sorua re Giacchette,
Che aconzà ne fè voi como ve pà
E sempre adosso sei dre garzonette,
Si vorrei che serrè d'auanti andemo
Se ben de mostrà chiera, Zena ornemo.