Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 63


SE per mostrà ra so possanza Dè
Drè bellezze dro Cè schiumà ra sciò
E voi ne fè con si diuin sprendò
Ch'in terra ne mostrè ro ben dro Cè.

5Per che seiuo de coe tanto crudè
Che inanti seira n'ascondei ro sò,
Anzi croui dro Cè tutto l'honò
D'un chiumassetto ingiurioso e rè.

E al'orbetto zughemmo tutti noi
10E ataston van re gente tutte quente
Senza ro lume che n'ascondei voi.

Ma ben me maraueggio che si rente
Non bruxe ro chiumazzo con doi Soi
Che da ra lonzi bruxan tanta gente.

15Anzi dixe ra gente;
Che quando adormentà i oggi serrè
Amo chi è orbo tutto assemeggie.

Ta luxe ancora fe;
Che abarlughe ra gente era rosti,
20Che deiuo donca fa quando i arui?

E per no fane orbi;
E bruxà fossa ve croui ra chiera,
E per pietè de noi, parei crudera.

Che l'homo vorentera;
25Corre sempre a ro ma chi ghe deletta,
Como ra nescia fa dra porseletta.

Ma ro nome Chieretta;