Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 71


Puo con doi oggi, como haueiui auanti
10Anzi con doi bruxenti, e chieri Soi
Bruxaui, e orbiui, ri vostri galanti:

Si che chi d'un sol'oggio, ha priua voi
Ro lume hà reiso a mille, e mille amanti,
E liberè da fuoeghi e da bruxioi.

15Ma per voi e per noi;
Guardeue l'oggio bon chi v'e restao,
Perche aurà cauà i oggi e monto usao.

Che se quarche arragiao;
Quello doce oggio ve cavassè asi,
20Direimo bonna notte a mezo dì.




DOnca se no son giano e affiagao
Ne chianzo sempre como ri figio,
Voi no ve crei Minetta ro me cuò,
Che per voi notte, e di caghe bruxiao?

5Sachie che tanto fuogo e in mi serraou
Che o no me lascia lagrimà de fuo
Che ra sciama l'humo sciuga à ro cuò,
E fuo me fa parei rosso e affogaou.

E s'intra vostra dose fontanetta
10No me lascie ra testa subacca
Fin che ne sciorbe quarche goraretta.

Chi sola esto gran fuoego puo amortà
Ro cuò me bruxiera per voi Minetta
Ch'in tanto fuogo o no puo chiù durà.

15Aruime ra Canà;