Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 85


PEnsa che l'ame esto scompiscia canti
Ma a ra fin ghe farò mena ro pè.
Che so che pari sò, no son costanti
E a quante donne ven corran derrè,
5Si ne vergognan poscia su ri canti
Perche requiutan tanto vorentè,
Che como de sott'han Donne, e fantinne,
Re fan vegnì so schiaue de Reginne.


SE ben de fuò parei guerzo, e straloggio
10Perche uze ri spegietti per costume,
D'intelletto hauei dentro si bon'oggio
Che nasce l'erba vei, si ne fè lume,
Però chiu tosto voi per sposo voggio,
Che quarchun che mille oggi hauei prezume,
15E i atri vo ghi à ro meschinetto,
Si ha mestè dro baston com'un orbetto.


DEh piggiame Bargaggia per gallante
Che megio de Tognin te voggio mie,
E son de lè chiu bello, e brauo fante
20Si ho chiu de lò gran Bestiame assie,
E un chiauacuò mi te farò galante
Con trei pezzi da lao chi pendan lie.
Chiu grossi, e belli che no gha Togninna
Si te terrò de tutto ra cha chinna.