Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88 RIME


3E fo ro primo giorno che ve vi
E de gianco eri quello dì vestia;
Vna sciò bella voi pareiui li,
Dentro una tazza de lete puria:
In testa haueiui un'aconzeura asi,
Feto con gracia, e con galantaria,
Con quella ancora streito me ligassi,
E tutte i atre à mi poeren scoassi.

4Se mi per sorte in Gexa ve trouaua
Che dro Cè fossi un'Angero me creiua,
E si dauanti à voi pue me fermaua
E tntte re me cose ve dixeiua:
Po ra man reuerente ve baxaua,
Voi poei pensà s'ognun se ne rieiua,
E si hauereiuan dito, O se de crè
Ch'atro che bella figia quella sè.

5Fin a lantora no ve conosceiua
(No ve l'hagiè, Sò dro Pareizo a mà)
Che ra me sorte ancon no ro voreiua
Ma ben v'haueiua spesso odio mentà:
Che vostra Moere ha dri figiò saueiua
Ma no za che a l'hauesse figia tà:
E per chiu dogia no saueiua men
Che a Zena se trouasse tanto ben.