Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 89


6E se ben son passao dre vote assè
Dauanti a casa vostra, che ro sò,
Per me desgracia no v'hò visto moè
Perche ra vista gueri bonna no hò,
E me dò grandemente in veritè
De no haueiue per sorte vista allò,
Perche me pà ro tempo avei perduo,
Che vei si bella cosa n'ho sapuo.

7Ma de no haueiue prima conosciuo
Ro doro no staghemo a renouà:
Odi che strannia cosa è interuegnuo
Proprio quando ve vi quella giornà:
No so se à diro mi sarò cretuo,
Po che in mezo dro Cò me fossi iutrà,
O me pà che zughemo a Correzora
Perche sei quando dentro, e quando fora.

8In mexo dro mè Cò proprio voi stè
Como un'osso intr'un Persego arreixà,
Ma quando aro barcon poscia ve fe
Como fauo diascora a scappà?
Tanto che mi no so cosa me crè,
E monto voi me fe marauegià.
Lantora digo: O mi son fo de mi,
O veramrnte ne sei fora voi.