Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 91


12Trouo che l'è miracoro d'Amò
Pò che de voi son tanto inamoraou,
Chi me fa questo nouo e gran fauò
Dro quà ghe resterò sempre obrigaou,
O fa che sta comeigo ro me Sò,
E quando dormo, e quando son dessaou,
E ande pu lonzi quanto vorei voi,
Sei per forza d'Amò sempre con mi.

13Così mi no bezogno d'Impentò
Chi ve veghe, e ne caue ro retreto
Dapò che dri boin Meistri ro megiò
De so man così bello me l'ha feto:
Ro Meistro che mi digo è un gran segnò
E senza pagamento o me l'hà deto,
E ro retreto ha tà proprietè
Che mi solo ro vego sempre moè.

14E tutti i atri se ro voren vei
No ro pon vei se no v'aguardan voi,
E se voi mesma ro voressi vei
Voi no poei manco senza un spegio vui;
De moò che quanto tocca pe ro vei
Goo da voi quarche auantagio mi,
Ma quanto tocca pò pe ro toccà
Voi hauei auantagio, e no se po negà.