Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 99


16Ma se veggo lè mesma che me pà:
Cosa è de mi quando ra vego lè,
N'hò chiù che dexirà,
E d'esse me pà in Cè;
Si me sento cangià,
E trasformame in le,
Onde me tocco à vei se mi son mi
O pù quarch'atro chi m'aspete li.
 
17O versi mè, chò zà bagnaou de chiento
E po co ri sospiri v'ho sciugaou
Quanto martello sento
E s'ho ro Cò infrecchiaou,
Ognun chi ve veria
Da voi l'intenderà,
Però ve n'anderei dauanti a quella
Figia d'ogni atra chiù crudele e bella.

18Se ghe direi. Che se ben n'ho speranza
D'otegnì moè da lè nissun fauò,
E in pari soe d'usanza
E mà inchietao l'Amò,
Mi pù l'honoro, e l'amò
E sempre moè ra bramo:
Che virtuoso, e sento è ro me fin,
E ro ben che ghe vogio si è dro fin.