Pagina:Rime (Cavalcanti).djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

-77-

XVI.


Nobil pulzella dolce ed amorosa,
     sovra ciascuna doglia è ’l mio dolore,
     poi veggio impallidito lo colore
     di voi, cui amo più di nulla cosa.

Ch’esser solea vostra cera gioiosa
     più dolce a rimirar ch’altro bellore,
     perchè à poco ch’i’ non blasmo amore
     s’a voi e’ dona tal pena gravosa

o di neente grava il vostro viso:
     che piangiere mi facie e lagrimare
     lo greve mal che n’à levato il riso,

sì che solo ’l pensar me n’à conquiso;
     onde, per Deo, vi piaccia confortare
     per torre via lo mal ch’è tra noi miso.


XVII.


Com’io mi lamentai per lo dolore
     di voi, mia gioia, e pena ne portava,
     degi’ or cantar di gioia e di dolzore,
     poi torno e veggio quel ch’i’ disiava.

Tornato v’è l’angielico colore
     che tanto dolcemente e ben vi stava,
     poi si partì lo mal, ch’a tutte l’ore
     piangiere mi faceva e lagrimava

in ricordando lo greve peccato:
     che mi parea che voi foste gravata
     di guisa che ’l color n’era cangiato.

Ma or ch’i’ veggio allegra ritornata
     la dolze ciera e ’l viso dilicato
     sovr’onne gioia la mia tengo doblata.1

  1. Raddoppiata - Prov.: doblar - franc. ant.: doubler.