Pagina:Rime (Cavalcanti).djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 80 -

XXII.


I' si mi posso, lassa, lamentare
     d'amore innanti e poi de lo meo sire:
     che data sono ad amendue servire
     sì, ch'altra cosa no m'è 'n grato fare.

E amore m'incalcia e face amare
     con fermo core e con dolce desire
     lui, che pecca 'nver me, poi ch'agradire
     no li vol punto, ma pur cagionare.

Sì che mi lamentare è di ragione,
     ched io dimoro, amore, al tu' piacere
     col cor leal là 've tu l'ai locato.

E 'l mi' buon sire istà 'nver me spietato;
     là 'ride peccato face, al mi parere:
     poi tanto l'amo senza falligione.


XXIII.


Tutto ch'i' mi lamenti nel mi' dire,
     dolce meo sire, non è lo mio core
     punto turbato inver di voi null'ore;
     ma in fra sé istesso vuol morire

di ciò, ch'or non v'è 'n grato il mi' servire
     sì como già '1 facea esser amore,
     e che vi sembia ch'io mancato fiore
     aggia 'nver voi, dov'ò fermo 'l disire.

Ma, ben ch'a me non paia aver fallato
     e voi pur piace di così mostrare,
     vedete me n' venire a la merzede:

e umilmente lo mi' cor la chiede,
     ch'unqua non si partì di voi amare:
     per che trovare dovre' vi umiliato.