Pagina:Rimes Ladines.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 26 —



Vighil; mo l chè dʼ apë́na alzé
Savôl qui quʼ ès fat quël malán:

No lonce da iló odôl tʼ la val
Sòt ël na squira dʼ sbiri gnan
Con pè leşír insciquʼ a n bal
Vérs ël chantan e dlon cigan.

Apë́na fôi da lonce chamó
Tan lonce quě tíra n stlóp dër bon,
Quě l cavalír pensan al no
E al scè sě rʼ córda dʼ la prešon.

Denanquʼ a traditor Bracon
Sě rëndʼ, gërál noš Gader1
Per Pláies2 inquina sů Chaolon3,
Degůn Bracon nʼ sʼ a mai temů.

“Tó sů con quiš lʼ orèssi gian”
Tra dʼ ël sě pënsʼ l „ma dër quʼ ëi fòs
Inscíquʼ iů instës son zënza ingian,
Bon cavalír e dër bèl pròs.

Chi mai digèssa mia Maria?
Segů lʼ amor perdèsla a mé,
Scʼ iʼ dès la libertè per nia,
Solmë́nter per sciampé a n pice mé.”

Pasá per l chè tan snèl quʼ na lu̥m
Pensírz dʼ sta4 sórt al prëš olté
L chavál quě důt dal snèl va in fu̥m,
N menůt sě frëmʼ l per bëgn scolté.


Nel venir da San Vigil ie!
Ma levato appena il capo
Seppe gia chi fece il tiro.
Poco lungi nella valle,
Sotto a lui, vede gran sehiera
Contro a se venir di sbirri
Con leggiero pie, cantando
E esultando come a danza.
Lungi appena son gia quanto
Suol tirare un buon fuoile,
Che fra il si e il no perplesso
Si ricorda il eavaliere,
Che l’attende la prigione.
Fra se pensa: „Misurarmi
Ben vorria con questi sgherri,
Se da prodi cavaliori
Essi pur fossero meco,
Quale io sono senza inganno;
Pero prima che un Braccone
Mai s’arrenda a un traditore,
Correra traverso Plaies
Nostro Gader su a Chaolon,
Gn da Brae nulla paventa.
Che diria la mia Maria?
Certo più non m’amerebbe,
Qualor senza nulla ardire
Per scappare a picciol male
Liberta da vil perdessi. “
Per la mente si veloci
Come un lampo tai pensieri
Non gli sono ancor passati,
Che levando densa polve
Gia il cavallo indietro ha volto;
Un istante ancor per bene
Ascoltar s’arresta e udire.

  1. fiumicello che traversa la valle Ladina
  2. bosco tra Marehbe e
    Livinallongo.
  3. Prati tra Corvara e Livinallongo
  4. = questa