Pagina:Risposta dell'Ingegnere Giuseppe Bruschetti all'articolo del dottor Carlo Cattaneo.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
286

che si renderà indispensabile qualche maggiore elevazione del letto di strada in quella tratta presso al termine della linea onde sollevarsi col di lei piano superiore al di sopra della massima piena del lago di Como, e delle escrescenze del torrente Cosia, ciò è vero, ma fu anche preveduto prima da noi, mentre si trova assegnata appunto per ispesa straordinaria di fabbricati di servizio ecc., la somma di cento mille lire austriache pei lavori occorrenti alla strada a ruotaje segnatamente in quel punto. E dopo di avere protestato che sarebbe inutile o presuntuoso da parte sua seguir l’autore del progetto in tutti i minuti particolari dell’arte, ciò nondimeno soggiunge che noterà solo quanto può interessare la curiosità dei lettori.

Noi però parlando dei lavori di pietra non riproviamo già l’uso dei nostri graniti, nè ad essi preferiamo quello delle arenarie unicamente pel motivo del minor costo del lavoro come suppone il sig. Cattaneo; ma altresì e principalmente poichè la bontà delle arenarie pei dadi di pietra è comprovata dall’esperienze giornaliere a Norimberga, a Brusselles, a Liverpool, ed in cento altri siti non solo per la primitiva e più solida costruzione, ma anche per la successiva manutenzione della ruotaja stabile ed inconcussa, per quanto
basta cioè senza peccare in eccesso di resistenza; il che sarebbe pur causa di guasti e di fratture ad ogni urto dei ruotanti sovrapposti e delle macchine locomotive, mentre in nessun luogo che per noi si sappia e specialmente in Inghilterra non si usano e quindi non si possono dire nè ritenere in generale idonei ed opportuni i graniti per i dadi delle ruotaje come lo furono per esempio al ponte di Boffalora sul Ticino fra di noi; ed al ponte di Strand ossia di Waterloo a Londra. In massima poi noi non incliniamo ad adottare pei primi progetti di nuove strade di ferro in Italia alcun miglioramento od innovazione notabile del sistema di ruotaja fin ora seguito con più successo in pratica, salvo ad ammettere poscia nei successivi progetti di opere consimili quanto di utili e ragionevoli perfezionamenti si andranno facendo col tempo all’estero, e che dall’altrui e propria esperienza si troveranno anche in Italia confermati come veramente utili, e non belli, e buoni soltanto in apparenza.

Circa alla larghezza della ruotaja che il sig. Cattaneo confonde ripetutamente coll’area, invece degli otto metri lineari da noi indicati per Como, nell’ipotesi che col tempo si avessero a rendere necessarie quattro guide di ferro paralelle, mentre se avessimo