Pagina:Rivista di cavalleria (Volume I, 1898).djvu/380

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
376 rivista di cavalleria

taglia di un piccolo poney, con un dito mediano molto sviluppato e due laterali atrofici.

Il Mesohippo venne trovato assieme a diversi altri tipi poco dissimili nel miocene amerìcano.

L’Anchitherium, animale vicino, presenta gli stessi caratteri del mesohippo, e venne trovato nel miocene europeo.

Pliocene. — L’Hipparion, cavallo piccolo, ha la testa simile a quella del cavallo e molta tendenza alla monodattilia, sebbene le dita laterali siano ancora molto sviluppate in confronto ai rudimenti che ancora si osservano nei metacarpiani e metatarsiani accessori dei cavalli attuali.

L’Hipparion venne trovato nel pliocene europeo ed in quello africano.

Il Protohippo, cavallo primiero, è già simile al cavallo in molte parti, ha i piedi con marcata tendenza alla monodattilia e venne trovato nel pliocene americano.

Fra questi tipi pliocenici ed il cavallo esiste un salto considerevole nelle forme di transizione; ma considerando, che le scoperte dei preequidi datano poco più da trent’anni e che una gran parte degli strati terrestri sono ancora ricoperti dal mare, si ha il diritto di supporre che la paleontologia scoprirà altre forme intermedie dell’evoluzione.

Equidi — Gli equidi fossili sono gli antenati diretti del nostro cavallo attuale. Essi si trovano in varie parti d’Europa, in Africa e nell’Asia, nei terreni quaternari fino al periodo attuale di terrazzamento, e specialmente in America ove si fecero le scoperte paleontologiche le più importanti.

Numerose sono le varietà dell’Equus fossilis con forme vicinissime al cavallo attuale, e fra le tante, l’Equus caballus, che si trova in molte stazioni paleolitiche con altri fossili quaternari, costituisce la forma più prossima agli equini.

Equini. — Gli equini esistono fin dalle epoche preistoriche in quasi tutte le regioni della terra; ma la questione della loro prima comparsa non è tanto semplice ad onta dei profondi studi di paleontologia.

L’opinione più accreditata sull’origine degli equini è quella