Pagina:Rivista italiana di numismatica 1888.djvu/527

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
480 solone ambrosoli


L’interpretazione Iuris utriusque tiro ci era suggerita dall’analogia colla frequente leggenda: I(uris) V(triusque) D(octor). Ma, abbandonata l’attribuzione

    “Dominus Ioannes Fueger ducatum unum promisit”, in un documento del 6 genn. 1517 (pag. 232, lin. 31).

    In altro del 6 genn. 1584 (pag. 809, lin. 28) ne sono ricordati due:

    “ A nobili domino Ioanne Iacobo Fugger,
    ” A nobili domino Georgio Fugger
    tres
    coronas. ”

    Dalla chiusa di quest’Atto si apprende che Gio. Giacomo era stato eletto Procuratore della propria Nazione per quell’anno, leggendosi in esso:

    “In praesentia igitur nobilium dominorum novorum procuratorum, ac syndicorum antiquorum et a novis procuratoribus electorum, videlicet domini Ioannis Iacobi Fugger, domini Georgii Zolner in Brand, etc.”

    “Anno a nativitate Domini M. D. XXXVI. in die epipbanie Domini, congregata nobili Germanorum in utroqne iure Bononiae studentinm natione in ecclesia Sancti Fridianì extra portam Sancti Mammae iuxta antiquam ac laudabilem consnetndinem, ab antiquis procuratoribns nominati ac designati faere et communi ipsius nationis suffragio electi ac confirmati in procuratores sequentis anni nobilis Dominus Oeorgius FiAggerus patritius Augustanus et nobilis domiuus Ioannes a Lindenau de Dame. Oum aufcem praedictus Dominns Georgius in patriam urgente necessitate revocaretur, snbrogavit nobilem dominnm Yigileam Hund a Lauterbachy etc.”

    In altro Atto del 1544 (pag. 329, lin. 88):

    “Nobilis dominus Udalricus Fugger et eius preceptor dominus Ludovicus Carinas libras septem Bononenos sexdecim.”

    Finalmente in altro dell’anno 1561 (pag. 388, lin. 40):

    “Generosus dominus Octavianus Secundus Fuggerus pro se et preceptoribus suis domino Balthasare Praun Kemnalcense, et domino Andrea Sobillero Aichense duos coronatos.”

    Tutti i surricordati Fugger spettavano all’Università (o come si direbbe ora alla Facoltà) dei Giuristi.

    Il Dr. Frati c’informa inoltre, che negli stemmi che adornano le pareti dell’Archiginnasio bolognese sono ricordati due Fugger, del Sec. XVII, tutti e due studenti di leggi, e cioè:

    “D. Leopoldi Fugger Comes Bavarus, Praeses Alemanorum” nell’anno 1686, e:

    Gulielm. Fugger Bavarus (Consil. Polonorum)”. Nell’iscrizione a cui fa corona anche lo stemma di Guglielmo Fugger manca il millesimo, il quale, dal posto che occupa detta iscrizione, deve essere intermedio al 1636 e al 1647.