Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/396

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

annotazioni numismatiche genovesi 375

soprastanti: ecco il perchè la stessa iniziale trovasi tanto sul ducato della Libertà quanto sui primi ducati del Doge XXII. Dovremo dunque limitarci a ricercare gli avvenimenti successi tra questi due Dogi, poiché la moneta per i suoi caratteri trovasi evidentemente a posto suo in questo intervallo.

Veramente un governo che si conferma in modo tanto solenne come viene da questa leggenda dichiarato, sembra più compatibile come osservava giustamente il Fantaguzzi, colla cacciata di qualche estera dominazione, di quello che non lo sia con una rivolta che abbia interrotto o troncato il governo di un Doge. Tornerebbe in acconcio al caso nostro l’epoca della cacciata dei Milanesi nel 1435 seguita dalla elezione dei Capitani di Libertà, se non fosse in aperta contraddizione con i caratteri più importanti del ducato in discorso, perchè il nuovo tipo colle lettere gotiche ed il conradvx non cominciò, come si è visto più sopra, che negli ultimi anni del Dogato XXI. Siamo costretti perciò a riconoscere che si tratta di rivolta contro il Doge, ed abbiamo precisamente quella avvenuta addi 18 Dicembre 1442, la quale coincide coll’epoca esatta suggerita dai caratteri della moneta e conferma l’assegnazione fattane.

Se la supposizione dell’egregio possessore viene a cadere, non è detto per questo che non fosse logica e probabile. Questa solenne proclamazione di libertà per la cessazione di un governo cittadino, ripugna a noi che della libertà abbiamo un concetto diverso. Ma è da considerare che male si giudicano i fatti alla stregua delle idee nostre, essendo invece conveniente di riferirli a quelle che correvano nel tempo, nel luogo e nelle condizioni, nelle quali i fatti stessi sono avvenuti. Gli antagonismi tra le fazioni, tra le classi e tra i diversi casati, che contri-