Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/560

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

le medaglie di giuditta pasta 533

saggio di mimica valentia. Il Conte Marchetti, per lunga dimora diventato bolognese, in un’ode all’idolo del giorno ne aveva già cantato i meriti, traendone argomento a stimmatizzare l’ignoto Genio che spinto dall’irto Borea, aveva percorso il bel cielo italico. Ed ecco la Pasta trascinata fra le beghe letterarie di classici e romantici!

Mm. 42.

D/ ― A — GIUDITTA PASTA — NEL MAGISTERO DEL CANTO — PER GIUDICIO D’ITALIA — NELL ARTE DEL GESTO — PER CONSENSO DI FRANCIA ― MARAVIGLIOSA ― I SOCI DEL CASINO ― DI BOLOGNA ― GRATI PLAUDENTI - 1829.

R/ — Corona d’alloro. Campo liscio.

(Arg. e br., Civico Museo di Como).


Non vollero essere da meno dei Bolognesi e dei Milanesi, i Veronesi. Nel carnevale del 1830, la Pasta cantò a Verona nel Teatro Filarmonico: taccio i soliti applausi, i soliti trionfi, i soliti componimenti poetici.

L’istituto filarmonico degli Anfioni, per onorare la Pasta divisava far coniare una medaglia, e ne diede incarico al Putinati, “il quale la eseguì in brevissimo spazio di tempo, con sorprendente bravura e perfezione”1.


  1. I Teatri, Giornale drammatico, musicale e coregrafico. Milano, Truffi, 1830, pag. 121.