Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/439

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
422 emilio tagliabue

Item due stanghe.

Item uno cadenazo de dentro.

La saletta.


Uschio con serradurra et chiave.

Item una cardenza con serradurra et chiave.

Item con le cornixe attorno a detta saletta una tavolla inchiodatta insieme.

Item una cadregha armatta.

Item scabelli n. seij.

Item la fenestra con la stamegua di Tella.

Item de detro la cecha de fora.

Una armadura de muro per fare il camino a la maijstrisia con canten 1 sey e codighe sej et assi diece con altro legname per fare armature et cante tre de foc.

Item nella coxina due cadenne di focco.

Item due parra de brandenalli.

Item duoi spedi de roste.

Item una padella.

Item una lecharda.

Item una gradexella di ferro tutto pesan 45 grosse.




Mi Ant.o Maria gientille afermo essermi stato Consegnato le pp.e robe scrite in fogli tri conputato el pnte de le quali io ne ho una copia simille a questa et in fede mi sono sotto scritto.

Sulla copertina è scritto: Inventario dele robbo de la cecha consignate al com.rio cap. m.ia 1546.



10.


Sulle monete battute da Antonio Teodoro Trivulzio.

1676-78 (n 2).


Al’Ill.mo Ed’Eccell.mo Sig. Prencipe

Antonio Teodoro

Trivultio

Marchese, Conte, barone libero

Signore, ecc.

per le Monete, che nouamente

fà battere.


Dalle vene del Sol sudati argenti
   Mida profonde ad eternar Teodoro;
   E di Giove emulando i gran portenti
   Un’Augusto distilla in nembi d’oro

  1. Cantari, travi leggere per far armature.
  2. Da uno stampato in folio sciolto senza data nell’Arch. Triv., Cart. 79, N. 23. Antonio Teodoro Trivulzio esercì la zecca di Retegno dal 1676 al 78 ; a tal periodo deve quindi appartenere questo sonetto.
    Veramente esso non potrebbe figurare come documento inedito, ma essendo la copia della Trivulciana rarissima, se non unica, abbiamo creduto ripubblicarlo esaurendo cosi quanto ci fu dato rinvenire negli archivi Milanesi su questo argomento.
    Dei resto non lo citiamo a modello di stile. Esso è quanto di più goffo e barocco possa aver prodotto l’Arcadia. L’adulazione smaccata è sviluppata con tali idee contorte e nebulose che ci fan dubitare vi fosse nel buon Domenico Antonio Ceresola stoffa per un compositore di sciarade anzichè di sonetti.