Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/563

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
544 solone ambrosoli

moglie di Alfonso II, e Iñigo suo figlio, hanno pure medaglie di varî artisti1.

Don Ruiz Lopez D’Avalos è effigiato dal Galeotti2.

A questa ricca serie di medaglie fanno degno seguito le poche ma preziose monete coniate sul principio del secolo XVIII da Don Cesare D’Avalos, marchese e principe del Vasto, “in ostentazione del diritto di zecca statogli accordato dall’imperatore”3. Questa concessione, di Leopoldo, è in data di Vienna, 12 marzo 1704, e il passo relativo del diploma ch’è riferito dal Lünig4 suona come segue, nella forma tradizionale di simili privilegi:

“Ad porro magis magisque Animi Nostri Cæsarei propensionem in prædictum Celsissimum Nostrum Piscariæ, Vasti, Francavillæ, et Roccellæ Principem testificandam, ex certa scientia, ac sano accedente Consilio, proque ea qua fungimur autoritate Cæsarea, deque ejus potestatis pienitudine, ipsi ejusdemque filiis, hæredibus, descendentibus, et successoribus legitimis in infinitum benigne dedimus, concessimus et elargiti sumus libertatem, et facultatem in aliquo ipsi eisque commodo et opportuno Jurisdictionis loco Officinam Monetariam fabricandi et exstruendi, monetamque auream et argenteam, majoris tamen generis, ex una parte Aquila Nostra Imperiali, et ex altera Armorum Susæ Dilectionis, ejusque descendentium insigniis, nominis item, et cognominis proprii inscriptione signatam, bonam tamen, probam, sinceram, et justam, quæ non sit adul-”

  1. Armand, op. cit.Plon, op. cit.
  2. Armand, op. cit.
  3. Promis V., Tavole sinottiche delle monete battute in Italia e da Italiani all’estero, Torino, 1869 (a pag. 226).
  4. Lünig J. Chr., Codex Italiæ diplomaticus, Francofurti et Lipsiæ, 1726 (tomo II, a pag. 663 e seguenti).