Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/460

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
408 notizie varie

conferenze di numismatica pei maestri, e quadri con riproduzioni di monete nelle scuole. A questo proposito, lo stesso Hildebrand fece notare che nella Svezia, in ciascuna scuola secondaria, vi è una collezione numismatica.

Eccovi, egregi Amici, per sommi capi e in modo certamente inadeguato, ciò che s’è fatto al Congresso di Brusselles; il quale, iniziato per festeggiare un avvenimento numismatico che si riferiva al Belgio, ha avuto, come s’è visto, un esito più che sufficiente a giustificare il suo appellativo d’interazionale, ottenendo nello stesso tempo, per primo risultato, di accrescere e diffondere le simpatie verso la benemerita Società che lo aveva promosso. E, di questo, non saranno certo gli ultimi a rallegrarsi i numismatici italiani, che alla Società Reale del Belgio dovevano già una particolare riconoscenza.

Con la più schietta stima,

Devot affez. vostro
Solone Ambrosoli.

Dopo questa lettera del nostro buon amico Dott. Solone Ambrosoli, ben poco ci rimane da aggiungere circa il Congresso Numismatico di Brusselles. Crediamo però opportuno di dare qui i titoli delle memorie presentate da Numismatici italiani, e non possiamo trattenerci dal fare qualche osservazione confortante sul progredire degli studii numismatici in Italia.

Senza entrare menomamente nel merito delle memorie italiane ed estere presentate al Congresso, delle quali gli studiosi potranno giudicare quando esse compariranno o nel Volume apposito che la Società belga sta preparando, nelle diverse riviste, ci limitiamo a constatare che poco meno di un terzo, ossia 14 memorie su di un totale, che non conosciamo ancora ufficialmente, ma che sorpassa di pocole 40, sono italiane. Dodici di queste furono presentate collettivamente dai collaboratori della Rivista e inviate nell’apposito fascicolo1 a stampa, e sono le seguenti:

  1. Rivista Italiana di Numismatica — «Omaggio alla Reale Società Numismatica Belga nella solenne ricorrenza del suo Cinquantenario. — Dodici memorie presentate al primo Congresso Internazionale di Brusselles. — 100 esemplari numerati» — Milano, Tipografia Cogliati 1891.