Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/477

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


APPUNTI

DI

NUMISMATICA ROMANA




XIX.

TRE DEMOLIZIONI


FRA LE MONETE DELLA REPUBBLICA.


Lo studio generale delle monete della Repubblica Romana è fatto, ed il lavoro dei molti insigni numismatici che vi si dedicarono fra cui, per citare solo i più eminenti, Eckhel, Cavedoni e Mommsen, è riassunto nell’opera di Babelon. È ormai intorno a quest’opera che si affaticano gli studiosi a introdurre piccole aggiunte, a chiarire qualche punto ancora controverso o non completamente spiegato, a proporre qualche nuova interpretazione o infine a correggere le piccole inesattezze o a levare le piccole mende, di cui non va scevra nessun’opera scientifica, per quanto ben fatta. Produrre una nuova moneta o toglierne una che è entrata per equivoco nella serie, scoprire un nome ignorato o cancellarne dalla storia uno, che vi si è intromesso per errore, sono tutti servigi egualmente profittevoli alla scienza, e che egualmente tendono allo scopo finale della perfezione. — E con questo ho inteso giustificare il