Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

aes rude, signatum e grave, ecc. 77


L’anello di congiunzione fra il quadrilatero col pegaso e il mezzo quadrilatero col parazonio romano n. 8, ci è dato, come dicemmo, dal quadrilatero veduto dal Mionnet (v. sopra p. 71-72). Però il peso e la tecnica dei quadrilateri col parazonio dimostrano che essi sono anteriori ai quadrilateri col pegaso e l’aquila, e che si collegano coi quadrilateri col tripode e l’ancora.

Si comparino i pesi dei quadrilateri col tripode con i seguenti pesi dei quadrilateri col parazonio:

A. Velletri, Garrucci, tav. LXIX, 2, gr. 1898,14.
B. Mus. Brit., " tav. XIII, 1, " 1593,69.
B.1 Bruna, nostra tavola XII " 1530 (?)

L’esemplare A di Velletri di 1a emissione sta in rapporto con la mina attica campana (v. sopra); gli altri B - B1 di 2a emissione, si possono chiamare addirittura quincussi romani.

Il parazonio sguainato di tipo gallo-romanonota è un’emblema per sé eloquentissimo: appena si può dubitare che non stia in relazione diretta con qualche solenne punizione inflitta dai Romani ai loro nemici.

Per il quadrilatero A di peso attico (tetramma) mi ricorre subito alla mente la spada di Brenno vendicata da Camillo (390-367 a C.); mentre per i quadrilateri B-B1 (quincussi) mi sembrano calzanti le allusioni, o alle ulteriori stragi dei Galli (342, 583 a. C, v. p. 79), o agli atroci fatti di sangue di cui fu teatro il Sannio e centri Sora, Gaudio, Luceria, sotto la dittatura di Lucio Papirio Cursore (324-309 a. C.)nota. 1 2

  1. Mi riporto ai confronti citati dal Garrucci, Civiltà Cattolica, 1880, p. 724. È poi notevole che la lama abbia il tipo di quelle solite a trovarsi nel Piceno, v. Undset nella Zeitschr. für Etimologie, 1889, p. 24, fig. 43-47.
  2. L’allusione alle guerre sannitiche era stata vagamente intravveduta anche da Babelon, I, introd. p. V.

    Gli assi esibenti la testa di leone che morde il gladio, ora sguainato ed ora nel fodero (R/. protome di cavallo), tre esemplari dei quali si rinvennero fra l’Umbria e il Piceno (a: Perugia, Passeri, Paralip.,