Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 emilio tagliabue


MONETE D'ARGENTO. CORSO
di Coira
canton.
di
Mesolcina
Confederaz.  Fior. K.  Lir. S. D.
Svizzera Tallero di diversi Cantoni e sua metà e quarto in proporzione. 3 20 9 15
Francia Tallero di giusto peso 3 20 9 12
" Pezzo da 5 franchi e suoi spezzati 2 53 8 10
Italia Pezzo da 5 lire italiano e suoi spezzati in proporzione 2 53 8 10
Milano Scudo, metà e spezzati 2 36 7 10
Bologna Scudo della Madonna da Paoli 10 e suoi spezzati in proporzione 3 8 15
Parma Ducato 2 54 8 15
Firenze Pisis e sua metà in proporzione 3 8 9 2 6
Savoia Scudo e spezzati in proporzione 4 11
Piemonte Pezza nuova di 5 lire o spezzati 2 53 8 10
Spagna Pezza nuova e vecchia con colonne e globi e suoi spezzati in prop. 3 8 16
Austria Scudo di Fiandra detto Crocione e spezzati in proporzione 3 20 9 15
" Pezzo nuovo di lire 6 austriache, e diversi talleri di convenzione e suoi spezzati 3 8 15
" Pezzo da 20 Carantani detto Svanzigher, blozeri 35 30 1 9
Baviera Tallero di convenzione 3 8 15
" Scudo con scettro e spada volgarmente detto Crocione 3 20 9 15
Cant. Tic. Tallero di Fr. 4 Svizzeri e spezzati in proporzione 3 24 10
" Pezzo da soldi 3, blozeri, 4 3 3 4
Griggioni Pezzo da Bazzi 5 26 1 5
" " da un Bazzo 5 5
" Blozeri 6 per 5 soldi 5 5


"Per le monete d'oro sino al valore del luigi d'oro sarà tollerato il calo di due grani, per quelle di maggior valore grani tre: eccedendo poi il calo a queste fissazioni, sarà facoltativo ad ognuno di ricevere le valuti calanti coll'abbuono di soldi 5 per ciascun grano calante dal peso intero.

" Tutte le monete erose ed in genere non nominate nella presente tariffa sono dichiarate fuori di corso. "