Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
148 bibliografia

pronuncia latina, non potremo mai persuaderci che a Roma si pronunciasse Kesar e Kikero! — Siamo sempre nel campo dell’induzione e sarà ben difficile che possiamo mai conoscere con sicurezza l’antica pronuncia romana; ma se possiamo però assicurare con tutta certezza che i latini non pronunciavano la loro lingua come la storpiano i francesi, gl’inglesi ed i tedeschi, abbiamo una grandissima probabilità che la pronunciassero, salvo pochissime varianti, come la pronunciamo attualmente noi in Italia; che quindi il c sia sempre stato il c italiano, e che ab antiquo si dicesse Cesar e Cicero precisamente come pronunciamo noi.

F. G.




Ris-Paquot, Répertoire annuaire général des Collectionneurs de la France et de l’étranger. — Première année.

Il titolo di questo annuario, che si presenta per la prima volta, è molto generale; ma non lo è altrettanto la materia contenuta, la quale riguarda per due buoni terzi o quasi per tre quarti la Francia, restringendo tutto il resto dei due mondi nel poco che avanza.

Gli è così che mentre la Francia e principalmente la città di Parigi è assai bene rappresentata nelle sue collezioni di vario genere, tutte le altre nazioni vi figurano in modo assolutamente inadeguato, pure facendo la parte necessaria alla prevalenza che deve avere la nazione nella quale e nella cui lingua il libro è scritto. E lo squilibrio non è solo nella distribuzione geografica, ma anche e più in quello delle materie; anzi, se abbiamo fatto cenno nella Rivista Numismatica di questo libro, il cui interesse dovrebbe essere molto più esteso, gli è perchè la Numismatica vi rappresenta, per i paesi che non sono la Francia, una preponderanza così decisa, che dal nostro punto di vista potremmo forse desiderarla tale, ma che è ben lungi dall’essere la verità.

I generi delle collezioni essendo rappresentati con segni grafici in quest’annuario, chi percorre coll’occhio le pagine dedicate all’estero, non può non rimanere colpito dal numero immenso di medagliette rappresentanti le collezioni