Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 francesco gnecchi


11. Medio Bronzo. — Dopo Coh. 248.

D/ — T CAESAR IMP COS III GENS

Testa laureata a sinistra.

R/ - S C

La Speranza che cammina a sinistra portando un fiore e sostenendosi la veste.


TRAIANO.


12. Gran Bronzo. — Dopo Coh. 377.

D/ — IMP NERVA CAES TRAIAN AVG GERM P M

Testa laureata a destra.

R/ — S C (all’esergo).

Traiano su di un palco a destra, accompagnato dal prefetto del pretorio, con un lungo scettro e colla destra alzata in atto di arringare tre soldati, di cui quello davanti porta lo scudo e il parazonio, e gli altri due, insegne militari.

(Tav. I, N. 4).


I tipi delle monete di Traiano sono così generalmente conosciuti, che il trovarne uno nuovo è cosa assai difficile. Pure il bronzo ora descritto merita veramente il titolo di nuovo e per varii riguardi. Prima di tutto per essere anepigrafo, fornito cioè delle sole lettere S C, ciò che non accade di trovare in nessun altro grande o medio bronzo di Traiano. Nella numerosissima serie delle monete di bronzo di Traiano non si conoscono so non alcuni piccoli bronzi portanti le solo lettere S C. In secondo luogo per il tipo, il quale rappresenta l’allocuzione imperatoria.

Le monete relative alla allocuzione mancavano sotto Traiano, e, mentre sotto altri imperatori, come Nerva suo predecessore e Adriano suo successore, sono sempre accompagnate dalla leggenda ADLOCVTIO, qui invece la leggenda manca; quantunque il tipo rappresentato sia precisamente quello dell’allocuzione,