Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/286

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
274 atti della società numismatica italiana


VI.


Il Presidente rappresenta la Società, convoca le adunanze e ne dirige le discussioni; veglia alla osservanza dello Statuto, firma gli atti d’ufficio e le corrispondenze. Dura in carica tre anni.

I Vice-Presidenti lo suppliscono in ordine di anzianità. Durano pure in carica tre anni.

Dei Consiglieri si rinnovano annualmente due, estratti a sorte nel primo anno, poi per ordine di anzianità.

Tutti sono rieleggibili.

In caso di sostituzione straordinaria d’un Membro del Consiglio, il socio eletto sottentra in luogo e stato del cessante.

VII.


II Segretario custodisce gli atti della Società, stende i verbali delle adunanze consigliari, come delle generali; funge da Bibliotecario e custodisce i libri mandati in dono o acquistati dalla Società, come pure il Medagliere che coi doni si andrà formando in seno alla Società medesima, e ne tiene in corrente il catalogo.

I soli Soci possono valersi sia dei libri, come del medagliere.

VIII.


II Tesoriere cura la riscossione del contributo dei Soci ed ogni altro provento della Società; firma le quitanze, paga le spese stanziate dal Consiglio Direttivo o dalle assemblee generali; tiene un registro di entrata e di uscita; compila i bilanci preventivi e consuntivi.

IX.


La Società pubblicherà i suoi atti nella Rivista Italiana di Numismatica.

X.


Le proposte per l’ammissione di nuovi Soci si fanno con lettera firmata da due Soci alla Presidenza. Il Consiglio, nella sua prossima adunanza, decide sull’ammissione dei candidati i cui nomi figurino nell’ordine del giorno.

XI.


Ogni Socio contribuisce L. 20 ogni anno. L’obbligo sociale è per un triennio. Il Socio che nel settembre del terzo anno non dichiara in iscritto di uscire dalla Società, rimano obbligato per un altro triennio.