Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/346

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
330 nicolò papadopoli

gento, recavano non pochi danni al commercio ed a tutti i cittadini, producendo, fra gli altri inconvenienti, anche quello di incoraggiare le imitazioni e le falsificazioni. In tale epoca ai volgari falsificatori, che esistettero sempre, si aggiungevano alcuni principi e governi, i quali non avevano scrupolo di copiare i tipi più conosciuti e più pregiati e di riprodurli con lievi modificazioni in metallo scadente, ricavando non iscarso guadagno da tale disonesta operazione. Il ducato ed il grosso veneziano erano stati copiati in Italia ed in levante, ma era ben più facile imitare piccole monetine di fabbricazione molto trascurata, approfittando della negligenza che si osserva nel pubblico di tutti i tempi, nelle cose di poco valore. Infatti il Senato si preoccupa dei piccoli falsi che infestano il paese, ordinando nel 7 maggio 14461 a tutti i cittadini di presentarli alle autorità, per essere indennizzati del solo valore del rame, e chi avesse piccoli falsi e non li denunciasse deve perderli. Visto che gli altri rimedi non sono sufficienti ad estirpare il male, si decide di cambiare il tipo dei denari veneziani, come abbiamo raccontato più sopra prescrivendo a tutti di portare agli ufficiali della zecca i piccoli della vecchia forma, per avere in cambio quelli nuovamente coniati2. Pochi mesi dopo, 9 settembre 1446, si minacciano pene e multe a chi introduce monete false nello stato, con proibizione di far grazia, ed il decreto3 parla principalmente di soldi e di piccoli. Finalmente nel 15 dicembre 1454

  1. R. Archivio di Stato. Senato, Terra reg. I, carte 190. — Capitolare delle Brocche, carte 30 t.
  2. R. Archivio di Stato. Senato, Terra reg. I, carte 195. — Capitolare delle Brocche, carte 31 (21 giugno 1446).
  3. R. Archivio di Stato. Senato, Terra reg. II, carte 2. — Capitolare delle Brocche, carte 31 tergo.