Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/519

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

medaglia in onore di fra domenico da pescia 495

non s’avvedeva, come scrive il Villari, di nulla; sicché


Parea che a danza e non a morte andasse1.


I Piagnoni non cessarono di venerarne la memoria. quale d’un martire e di tributare a lui, come a fra Silvestro, il culto stesso, che tributavasi al Savonarola.


Il Villari ricorda che in onore de’ tre domenicani "vennero coniato medaglie e incise imagini, che da tutti i devoti erano ricercate e mantenute nascoste"2. Il che non deve destar maraviglia, quando si pensi che tra i seguaci del Savonarola erano dei più fervidi "Baccio della Porta e Lorenzo di Credi, rarissimi dipintori: Baccio da Montelupo, insigne scultore: Sandro Botticelli, che ne scrisse la vita, " ora perduta, " pittore e niellatore; il Cronaca, architetto; tutta la famiglia dei Robbia, illustri plasticatori; il Baldini, incisore: Giovanni dalle Corniole, intagliatore in gemme: Eustachio e Bettuccio miniatori"3, ed altri. Ora io non dirò dei ritratti, che si son fatti, di Girolamo Savonarola: ben mi giova ricordare che in onore di lui furono coniato non una, ma più medaglie, di taluna delle quali fa cenno anche il Vasari. L’Armand ne registra e illustra ben sette varie di dimensioni e di valore arti-

  1. Villari, Storia di Girolamo Savonarola, vol. II, cap. XI. Firenze, 1859.
  2. Villari, op. cit. e loc. cit.
  3. Marchese, op. cit . vol. I. pag. 265. Firenze, 1860.