Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti visconteo-sforzeschi, ecc. 237

128. — 1429, novembre 28, Milano. — Istrumento, a rogito Enrichino di Sartirana, per cui Giovanni d’Appiano " negotiorum gestor fabricae Monetae Mediolani " attesta la esportazione dalla zecca milanese di certa quantità di oro di vario peso, e di varii proprietarii, per parte di d. Raffaele Visconti [Argelati, De Monetis, III, p. 68].

129. — 1431, dicembre 15, Milano. — Diploma di re Sigismondo di Germania a favore dei De Capitani, monetarii [Argelati, II, 271].

130. — 1433, novembre 15, Milano. — Grida per le monete [Arch. civ. di Como. Lettere ducali, vol. VI, fol. 120].

131. — 1434, aprile 8, Milano. — Decreto di grazia accordata a Giovanni Panigarola detto del Ferro accusato quale tosatore delle monete d’oro e d’argento [Reg. Panig. D, 40 t.]1.

132. — 1436, luglio 3, Milano. — Lettera dei Maestri delle entrate ducali al Referendario di Parma, — [Zanetti, Loc. cit, 91].

«Quia ad Ill.mum Dominum nostrum & non ad alium spectat dare formam & modum monetis suis, & cum aurum nimis excreverit in prejudicium Ducalis camere & Subditorum, utque antea cessent onera extraordinaria ordinavit & vult Ill.mus Dominus noster.... quatenus visis presentibus statim provideatis cum omnibus & singulis Datiariis civitatis illius & Episcopatus ejus, ut prò exactione Datiorum suorum, & quarumcumque intratarum solutiones accipiant a kal. proxime futuri mensis augusti in antea de moneta nova soldorum novorum que fabricabitur hic in mense presenti, aut de Ducatis & aureis, sive
  1. Negli Statuta criminalia stampati nel 1480 a Milano (Suardi) sta a carte b5 il paragrafo De moneta falsa et tonsa. Per la legislazione mantovana contro i falsi monetarii cfr. Portioli, La zecca di Milano, I, 53, II, 24. Per falsarli decapitati in Milano, ma nel secolo XVI, agg. Morbio, Italia e Francia, p. 267, 270.