Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/284

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

BIBLIOGRAFIA




LIBRI NUOVI.


Blanchet J. Adrien, Histoire monétaire du Béarn, Paris, 1893, in-8.


Schlumberer Gustave, Description des monnaies, jetons et médailles du Béarn, Paris, 1893, in-8 con 17 tavole.


Con questi due volumi, i quali, riuniti formano una speciale e completa monografia dell'antica provincia del Béarn, gli egregi Autori hanno colmato una lacuna nella numismatica francese. Nell’opera Monnaies féodales de France del Poey d’Avant troviamo un capitolo speciale dedicato alla numismatica del Béarn; ma, come avviene generalmente in queste opere complessive, l’illustrazione numismatica di questa provincia non solo è monca ed incompleta, ma vi si riscontrano non pochi errori e moltissime inesattezze. L’opera, che stiamo esaminando, ci pare compilata col metodo più pratico e razionale, che si possa desiderare, e tale da rispondere alle esigenze tanto degli studiosi, quanto dei semplici amatori. Il primo volume, dovuto al Blanchet, riassume la storia monetaria del Béarn in sette capitoli, che portano per titolo: I. Amministrazione; II. Officine monetarie; III. Monete classificate per epoche e per genere; IV. Tipi monetarii; V. Corso della moneta di Béarn; VI. Medaglie; VII. Tessere. Nel capitolo l’(pag. 96-97) l’Autore accenna ad alcune imitazioni della moneta Bearnese fatte in Italia da Agostino e Delfino Tizzone nella loro zecca di Desana, e da Ercole Mazzetti nella sua officina di Frinco1 e ne dà la descrizione. A complemento poi di questa monografia, segue una interessante serie di 50 documenti monetarii intera-

  1. Frinco e non Franco come per isbaglio dice l’Autore.