Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/384

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IL DUCATO D’ORO ANCONITANO


NEL SECOLO XIV




La zecca Anconitana non fu ancora illustrata da alcuno con quell’ampiezza che richiederebbe l’importanza dell’argomento e molti punti della sua storia restano oscuri. Basti accennare al principio dell’esercizio della zecca. " La prima notizia della zecca di Ancona, „ scrivevano gli egregi signori Gnecchi nel loro Saggio di Bibliografia Numismatica delle Zecche Italiane si ha da una convenzione del 1249 coi Ravennati1 „ L’Olivieri invece aveva già pubblicato due documenti pesaresi del 1234 e 1235 che parlavano della moneta anconitana2; a questi due documenti accennò pure il Peruzzi nel primo tomo delle sue Dissertazioni là dove parla della zecca e delle monete3: ad essi posso aggiungere una carta dell’archivio capitolare di Fano anteriore di un decennio: è una enfiteusi creata il 2 Giugno 1225 per l’annua corrisposta di due denari anconitani4. Ma non è

  1. Francesco ed Ercole Gnecchi, Saggio di Bibliografia Numismatica delle Zecche italiane Medioevali e Moderne, Milano 1889, pag. 9.
  2. Annibale degli Abati Olivieri, Della Zecca di Pesaro e delle monete pesaresi dei secoli bassi, Bologna 1773, pag. X.
  3. Peruzzi, Dissertazioni anconitane. Volume I. Bologna 1818, pagina 271.
  4. Pergamene, tom. I.